Vetrina Interattiva by Software lab (parte I)

Negli articoli precedenti abbiamo cercato di illustrare per sommi capi potenzialità, funzionalità e vantaggi delle vetrine interattive.

In questo articolo presenteremo invece l’ulteriore vantaggio che gli sviluppatori della Software Lab hanno implementato nella loro Vetrina Interattiva. Prima però bisogna fare un passo indietro.

Come si interfacciano con l’utenza le comuni vetrine interattive? Infatti, sebbene il supporto hardware sia innovativo e produca l’esaltante effetto di poter toccare una comunissima vetrina di un qualsiasi negozio e interagire con essa, in realtà la maggior parte delle vetrine interattive è progettata intorno al più comune dei sistemi operativi: windows vista (o simili).

L’interfaccia con cui interagiamo con le nostre dita non è nient’altro che un comunissimo mouse nascosto. In altre parole dietro al nostro dito si nasconde un mouse con tutti gli inconvenienti che questo porta con sé (per farsi un’idea si può leggere l’articolo sui musei): una barra di scorrimento fatta per essere scorsa con un mouse sarà a priori di difficile se non addirittura impossibile scorrimento da parte di un dito; anche la persona con le mani più affusolate d’Italia incontrerà seri problemi. Discorso analogo può farsi per l’interazione in generale, questa sarà sempre difficile perché usiamo qualcosa in un modo completamente diverso da quello per cui è stata progettata.

Avete presente quel divertente dialogo del film Apollo 13 quando si chiede a dei poveri ingegneri di fare in modo che un tubo quadrato possa infilarsi magicamente in un buco rotondo? Beh, in questo caso funziona più o meno allo stesso modo: si può fare ma si ottiene un prodotto “innaturale”.

La soluzione al problema? Usare un’interfaccia “naturale”!

Ecco la svolta: le vetrine interattive Software Lab hanno un’interfaccia interamente NUI, acronimo di Natural User Interface.

NUI, figlio degli sviluppatori Microsoft, è il modo di dire usato da progettatori e sviluppatori di interfacce dei computer per riferirsi ad una interfaccia utente che sia effettivamente invisibile al suo utente. Il termine “naturale” è usato come opposizione al resto delle interfacce classi chele quali fanno uso di strumenti di controllo le cui operazioni devo essere apprese.

Le interfacce NUI sono dunque una modalità naturale per le persone di interagire con i contenuti digitali utilizzando non altro che le proprie mani, per selezionare gli elementi presenti sullo schermo sensibile al tocco, ma anche disegnare e tracciare linee, cerchi e forme varie. Esattamente come faceva Tom Cruise nel film Minority Report di Spielberg.

In previous articles we have tried to illustrate in broad potential, capabilities and advantages of interactive displays.
In this article we present instead the additional advantage that the developers of the Software Lab have deployed in their interactive shop window. But first we must take a step back.
As the user interface with the shared interactive displays? Indeed, although the hardware support is innovative and should produce the exhilarating effect of a very common touch to any window of a shop and interact with it, in fact most of the interactive displays are designed around the most common operating systems: Windows Vista ( or similar).
The interface with which we interact with our fingers is nothing but a very ordinary mouse hidden. In other words you hide behind our finger at a mouse with all the inconveniences that this brings with it (to get an idea you can read the article on museums), a scroll bar to be done with a mouse will last a priori difficult if not impossible to scroll by a finger, even the person with the most slender hands of Italy will meet serious problems. Much the same can be done for the interaction in general, this will always be difficult because we use something in a way completely different from that for which it was designed.
You know what funny dialogue in the film Apollo 13 when one asks the poor engineers to make a square tube can magically squeeze into a round hole? Well, in this case it works in much the same way: you can do but you get a product "unnatural".
The solution to the problem? Using an interface "natural"!
Here's the turning point: the windows have an interface fully interactive Software Lab NUI, which stands for Natural User Interface.
NUI, son of the Microsoft developers, is the manner of speaking used by designers and developers of computer interfaces to refer to a user interface that is effectively invisible to its user. The term "natural" is used as opposed to the rest of the interfaces classes claws which make use of instruments to monitor the operations of which must be learned.
NUI interfaces are therefore a natural way for people to interact with digital content using nothing but his own hands, to select items on the touch screen, but also draw and draw lines, circles and various forms. Exactly how did Tom Cruise in Spielberg's film Minority Report.

Vetrine Interattive & Boutique digitali

 

Le boutique di abbigliamento, emblema dell’innovazione dei gusti e delle tendenze della moda, sono di certo candidati ideali a seguire il processo tecnologico. E cosa c’è di meglio se non cominciare dal digitalizzare le vetrine?

Le prime vetrine interattive reagivano “semplicemente” al transito dei passanti catturandone inevitabilmente l’attenzione. Fra i primi a intuire il potenziale di questa applicazione informatica per presentare i prodotto all'interno dei negozi va menzionato Prada, che nel 1999 commissionò la progettazione dei tre grandi negozi Negli Stati Uniti a New York, San Francisco, Los Angeles. Anche Elle MacPherson Intimates, griffe di lingerie, nello store di New York ha installato vetrine che interagiscono con i passanti grazie alla tecnologia Human Locator. Il software utilizzato è in grado di comprendere, sulla base di valori quali altezza, lunghezza del passo, frequenza e altri, se chi sta passando in quel momento è bambino o adulto, misura il tempo passato davanti alla vetrina, restituendo comunicazioni diversificate e dati importanti. Più recentemente il fenomeno tecnologico della vetrina interattiva è approdato anche in Europa, ovviamente nelle capitali della moda, Parigi e Milano.

Successivamente la casa statunitense Ralph Lauren ha lanciaclip_image001

to negli stores di Milano, Londra e Monaco di Baviera un innovativo sistema di shopping interattivo. Il window-shopping, collocato nello store di via Montenapoleone a Milano, ispirato alle tecnologie di “Minority Report” di Steven Spielberg, offriva la possibilità di effettuare acquisti dall'esterno del negozio non solo di giorno, ma anche di notte, a esercizio chiuso. Per azionare il sistema è sufficiente sfiorare la vetrina, selezionare il prodotto desiderato, inserire il proprio indirizzo e-mail e i propri riferimenti. Il giorno successivo l'addetto alle vendite, a cui vanno forniti i dettagli della carta di credito, provvede a contattare l'acquirente per la spedizione e rendere sicuro il pagamento.

 

The clothing boutique, a symbol of innovation in tastes and fashion trends, are certainly ideal candidates to follow the technological process. And what's better if you do not begin by digitizing the windows?
The first showcases interactive react "just" in transit inevitably capturing the attention of passersby. Among the first to grasp the potential of this computer application to present the product in-store should mention Prada, which in 1999 commissioned the design of three large stores in the United States in New York, San Francisco, Los Angeles. Even Elle Macpherson Intimates, the lingerie brand in the history of New York has installed windows that interact with passers-through technology Human Locator. The software used is able to understand based on values such as height, stride length, frequency and others, if the person who is passing at that moment is a child or adult, measures the time spent at the window, returning important data and diverse community . More recently, an interactive showcase of the technological phenomenon has arrived in Europe, obviously in the fashion capitals, Paris and Milan.
Subsequently, the U.S. House Ralph Lauren has launched
to stores in Milan, London and Monaco of Bavaria an innovative system of interactive shopping. The window-shopping place in the history of Via Montenapoleone in Milan, inspired by the technology of "Minority Report" by Steven Spielberg, offered the opportunity to make purchases from outside the shop not only during the day but at night, year ended . To operate the system is sufficient touch the window, select the product you want, enter your e-mail and its references. The next day, the salesperson, which should provide details of credit card, we will contact the buyer for shipping and secure payment.

Vetrine Interattive il nuovo modo di fare business

Con la sempre crescente innovazione tecnologica cui la nostra epoca è grande protagonista si rischia di isolare sempre di più gli ambienti che seguono il passo dell’innovazione con il resto del mondo. Proprio per questa ragione chiunque, adesso, voglia diffondere informazioni deve cercare di comunicare in modo semplice e diretto con il proprio pubblico di riferimento.

clip_image001Da oggi è possibile fare questo grazie ad un nuovo e formidabile prodotto, la vetrina interattiva, che racchiude in sé facilità d’uso e ‘magia’ di un’innovazione sorprendente. La Vetrina interattiva è la soluzione per ogni settore: dal commercio all’offerta di servizi. Da oggi negozi, hotel, farmacie, supermercati, centri commerciali, musei, esposizioni potranno comunicare in maniera interattiva con i proprio clienti, grazie alla televetrina.

Simbolo di un nuovo modo di concepire immagine e informazione, la vetrina interattiva crea un ‘punto di attrazione’ di grande impatto scenico, rendendo la comunicazione intuitiva, comoda e subito a portata di mano.

Chiunque potrà interagire, in piena autonomia, con tutti i contenuti della vostra offerta.

clip_image002Si tratta infatti innanzitutto di un sistema semplice da utilizzare per i clienti: la vetrina di un qualsiasi negozio potrà diventare immediatamente consultabile, attraverso un sistema Touchscreen, in qualsiasi momento dall’esterno del punto vendita. Si potrà disporre di una grafica personalizzabile secondo tutte le esigenze esigenze, ed i contenuti saranno interamente gestibili ed aggiornabili da remoto con una Web Application, accedendo da un qualsiasi PC collegato ad Internet.

È inoltre un sistema sicuro, infatti la pellicola viene retroproiettata, ed applicata dietro la vetrina, riducendo gli effetti dovuti ad eventuali danni vandalici;

La vetrina interattiva può essere integrata con altri tipi di applicazioni, ad esempio con l'utilizzo del canale di comunicazione via sms; si possono progettare servizi di invio delle informazioni, ricercate tramite la Vetrina Interattiva, direttamente sul proprio cellulare, oppure di pubblicare messaggi da cellulare su una sessione della Vetrina stessa.

With the ever increasing technological innovation that our age is the great protagonist is increasingly becoming isolated environments that follow the pace of innovation with the rest of the world. Precisely for this reason everyone now wants to disseminate information to try to communicate simply and directly with their target audience.
Now you can do this thanks to a new and formidable product, the interactive shop window, which encompasses ease of use and 'magic' of an innovation surprising. The interactive shop window is the solution for every sector: trade offer of services. From today, shops, hotels, pharmacies, supermarkets, shopping malls, museums, exhibitions can communicate interactively with their customers, thanks to televetrina.
Symbol of a new way of viewing images and information, the interactive shop window creates a 'point of attraction' of great scenic impact, making communication intuitive, comfortable, and immediately at hand.
Anyone will be able to interact independently with all the contents of your offer.
It is in fact primarily a simple system to use for customers: the window of any store will become immediately accessible via a touch screen at all times outside the store. You may have customized graphics according to all the needs requirements, and the contents will be fully manageable and updateable remotely as a web application, access it from any PC connected to the Internet.
It is also a secure system, because the film is back projected, and applied behind the window, reducing the effects due to possible damage of vandalism;
The interactive display can be integrated with other applications, such as using the channel of communication via SMS, you can send the information to design services, accessible by the interactive shop window, directly to your phone, or to publish messages to phone on a session of the window itself.

Telvetrina: La vetrina interattiva arriva alla versione alfa

Ebbene si, ieri finalmente siamo risuciti a testare su una superfice touch da 60' in 16:9 posta in verticale la nostra vetrina interattiva.

Le prime impressioni sono veramente positive, sei mesi di lavoro, ricerca e sviluppo non sono stati invani.

Siamo molto contenti dello scroll delle liste in stile iPhone e dell'interfaccia grafica NUI per la visualizzazione delle immagini Cover Flow in puro stile iPhone.

Subito dopo le vacanze, con l'uscita della versione beta, pubblicheremo i primi filmati.

 

Ultimi Post

Discalmer

Gli interventi e i contenuti di questo blog non costituiscono e non devono essere interpretati come consigli o pareri professionali. L'autore scrive a titolo personale e nell'ambito di proprie ricerche, sperimentazioni e conoscenze. Le opinioni espresse non sono in alcun modo riconducibili alle affiliazioni professionali/istituzionali del medesimo o alle opinioni che il medesimo esprime nell'ambito dei propri ruoli/cariche che possono essere del tutto diverse da quanto qui riportato.